La Tech Week: la settimana di formazione rivolta ai venti startupper selezionati per la seconda fase della Start Cup è stata archiviata ...

Stress test e prima prova pubblica dei pitch: si è chiusa la Techweek

By luglio 17, 2018


La Tech Week: la settimana di formazione rivolta ai venti startupper selezionati per la seconda fase della Start Cup è stata archiviata alla Scuderia Future Food Urban Coolab di Bologna . Cinque minuti tassativi per spiegare il progetto con un pitch di fronte al Mentor Board di ASTER una platea di investitori e stakeholder chiamati per offrire spunti e suggerimenti agli aspiranti imprenditori nel contesto informale di un aperitivo di networking.

Un metodo mutuato dalla Silicon Valley, dove solitamente le startup vengono affiancate da mentor esperti che condividono la loro esperienza e contatti fin dall’inizio del percorso dei futuri imprenditori.

La Tech Week, come fa notare Antonello Bartiromo di dpixel, “è una sorta di stress test a cui gli startupper sono sottoposti, che inizia con i maltrattamenti di Gianluca Dettori dove, come a Sanremo, non è detto che anche chi arriva ultimo non abbia un futuro in questo campo. Dipende molto dal grado di maturità di ciascun progetto. L’importante è capire che grazie a questa competizione si entra in un ecosistema a cui rimanere agganciati, non bisogna scoraggiarsi né farsi prendere dall’ansia.” aggiunge il coach. 

Parole recepite alla lettera dai gruppi che si sono succeduti nei pitch e che, biglietto da visita alla mano, hanno approfittato del momento dell’aperitivo per chiedere feedback ai coach, ai mentor e ai responsabili di Aster e per portare a casa gli ultimi e preziosi consigli prima di inviare il pitch definitivo, che sarà valutato in vista del Tech Garage, la finale della Start Cup il 9 ottobre prossimo.

Solo 10 startup andranno avanti e saranno valutate sulla base di una serie di criteri quali le potenzialità di riuscita, la strategia di ingresso sul mercato, la coerenza del piano di sviluppo, la partecipazione del team alla Tech Week e la qualità espositiva del pitch. 
Ma, appunto, guai a scoraggiarsi. Chi di sicuro non lo farà sono i progetti intercettati dal Future Food Accelerator che offrirà a D’Adone, Linea Semplice e Igroo la possibilità di partecipare alla Maker Faire Rome - European Edition dal 12 al 14 ottobre 2018, all’interno della sezione Food mentre FarmIt si aggiudica uno spazio per tre mesi tra Scuderia Future Food Urban Coolab e all’interno di Working Capital Bologna dove Future Food ha sede.

Nei prossimi giorni saranno comunicati i nomi dei 10 progetti che accederanno alla fase finale: per tutti gli altri un grande in bocca al lupo e un consiglio: mai uscire di casa senza un biglietto da visita o il pitch a portata di mano. Non si sa mai chi si incontra all’aperitivo.

Poterebbe interessarti anche

0 commenti