Tempo di riposo sì, ma con moderazione e tattica, ovvero: non sapete mai chi potrebbe essere il vicino d’ombrellone. Agosto, tempo di rela...

La vacanza dello startCupper

By agosto 05, 2019 , , , , , , , , ,

Tempo di riposo sì, ma con moderazione e tattica, ovvero: non sapete mai chi potrebbe essere il vicino d’ombrellone.

Agosto, tempo di relax. Dopo le fatiche dei primi impegni della Start Cup, è importante prendersi un periodo di meritato riposo in vista dell’”autunno caldo” degli step successivi. La spiaggia, però, ma anche la montagna, le colline, le terme o il paesello natale, possono essere terreno di gioco ideale per un’attività Out of the building da svolgere senza stress, ma necessaria per non perdere smalto e tenersi in forma.

L’esercizio infatti è fondamentale: un potenziale cliente, investitore o partner potrebbe trovarsi di fianco a voi mentre ordinate una bevanda fresca al bar.
Importante è però, non risultare aggressivi, specialmente se venite a sapere che il vostro stabilimento ospita, per dire, un venture capitalist americano. In questo caso lasciatevi guidare dall’informalità del costume da bagno: in fondo siete sulla stessa barca o forse è più corretto dire sullo stesso materassino.

Un primo passo per approfondire concetti utili, ma anche per  facilitare l’ice breacking con i vostri vicini di ombrellone, è la lista di letture che vi consigliamo di seguito. Non solo libri però. Ci sono anche una serie di video da vedere, sia per imparare sia per trarre ispirazione. Tra questi, vi suggeriamo innanzitutto le testimonianze di StartCupper del passato raccolte nei mesi scorsi: da Niccolò Manaresi, vincitore della prima edizione a Cubbit, passando per U&O e Scent. Poi ci sono alcuni Ted Talks interessanti per il loro contenuti e altrettanti pitch da guardare per la forma.

Va da sé che ogni lettura può risultare essere interessante: staccare è necessario e al contempo si allena la creatività. Non ci resta che augurarvi buone ma soprattutto rilassanti vacanze. E ricordatevi di infilare il vostro biglietto da visita in valigia: anche i manager e gli investitori vanno in vacanza come voi!

Letture consigliate

L'Arte di Chi Parte (Bene) di Guy Kawasaki (The art of the start).
Chi ben inizia è a metà dell’opera, si dice. L’autore, tra gli artefici del successo del Macintosh negli anni ’80, è un esperto di marketing e di strategia aziendale. Qui in rassegna una serie di consigli utili per chi vuole intraprendere una nuova avventura imprenditoriale (e non solo).

Partire leggeri. Il metodo Lean Startup: innovazione senza sprechi per nuovi business di successo di Eric Ries (The Lean Startup: How Today's Entrepreneurs Use Continuous Innovation to Create Radically Successful Businesses)
L’autore è un imprenditore che ha cercato di mettere a punto un metodo (il Lean Startup applicato anche in Italia) mirato a ridurre tempi e costi di un avvio d’impresa grazie a un confronto continuo con il mercato e il contesto di riferimento.

Startupper. Guida alla creazione di imprese innovative di Steve Blank (The startup owner's manual)
Si tratta di un manuale indispensabile per chi vuole fare impresa, non necessariamente da leggere una pagina dietro l’altra ma da consultare di volta in volta che si analizza un tema. L’autore è più che affidabile: è uno dei pionieri della Silicon Valley ora startupper seriale e accademico.

Da zero a uno. I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro di Peter Thiel
Il futuro si costruisce partendo da 0. L’autore parla dell’unicità dell’atto creativo perché l’innovazione si fa partendo da ciò che prima non esisteva. Un invito a ragionare fuori dagli schemi che viene dal fondatore di Paypal.

Pitch anything. La presentazione perfetta. Il metodo innovativo per comunicare, convincere e farsi dire sempre di sì di Oren Klaff
Le idee vanno anche vendute e per farlo bisogna sedurre il proprio interlocutore con un pitch di successo.

The Pyramid Principle: Logic in Writing and Thinking di Barbara Minto
Un testo fondamentale per seguire il filo del proprio discorso quando si vuole raccontare la propria idea di business.

Value Proposition Design e Creare modelli di business (Business Model Generation) di Alexander Osterwalder
L’autore è l’inventore del business model canvas un modello chiaro per permettere a tutti di capire i punti fondamentali di un progetto d’impresa attraverso l’uso di un linguaggio visuale.

Riclassificazione e indici di bilancio di Riccardo Silvi
Una startup di successo deve anche fare i conti con una dettagliata analisi economico-finanziaria. In questo volume, ricco di esempi, si approfondiscono i temi legati alla parte quantitativa del business plan.

High Growth Handbook di Elad Gil
L’autore è un imprenditore seriale, un investitore e un consulente di aziende come AirBnB e Pinterest nonché ex vicepresidente della strategia aziendale di Twitter. Il volume offre una serie di consigli autorevoli per fare crescere il proprio business.

The Hard Thing About Hard Things: Building a Business When There Are No Easy Answers di Ben Horowitz
Il libro è scritto da uno dei più stimati imprenditori della Silicon Valley ed è una raccolta di consigli su come gestire una startup che non si imparano nelle business school. L’autore non indora la pillola ma parla in tutta franchezza di quanto gestire un’azienda sia tutt’altro che semplice. Una curiosità: la lettura è condita di testi di canzoni rap, genere di cui Horowitz è un grande fan.

Blog, video e corsi


(Grazie a Niccolò Sanarico e a tutto il team di dPixel per i suggerimenti)








Poterebbe interessarti anche

0 commenti