La persona al centro del nostro progetto . Quando progettiamo dobbiamo tenere conto che lo facciamo per le persone. Ecco cinque punti da ...

Di che cosa parliamo quando parliamo di Design Thinking

By ottobre 01, 2019 , , ,

La persona al centro del nostro progetto.
Quando progettiamo dobbiamo tenere conto che lo facciamo per le persone. Ecco cinque punti da tenere a mente.

--

Si sente molto parlare di “Design Thinking”, ma di che cosa si tratta?
Lo abbiamo chiesto ad Andrea Pedrina, “designer miltidisciplinare” esperto della materia. È stato questo infatti il tema sviscerato durante la giornata formativa rivolta ai finalisti della Start Cup Emilia-Romagna 2019 dello scorso 3 settembre a TimWCap. Sotto la guida del docente, i gruppi di ricerca hanno avuto modo di lavorare sui loro progetti applicando i principi del “Design Thinking” uniti a quello che viene chiamato “human centred design”. Sono due approcci differenti che però non si escludono a vicenda, anzi, ne traggono forza. Con “Design Thinking” intendiamo una metodologia o un processo che adottiamo nell'affrontare un progetto che può essere di qualsiasi natura. Nel momento in cui cominciamo a progettare dobbiamo ricordarci che dobbiamo partire dalle esigenze delle persone e non da quelle del mercato. Pedrina in aula ha aiutato i team a capire quali sono le fasi da tenere bene a mente quando sviluppiamo un progetto.

Andando nel dettaglio, ecco i cinque punti:

Empathize

Quando progettiamo qualcosa dobbiamo metterci nei panni delle persone che andranno ad usare il nostro prodotto. Non si tratta tanto di fare l’esperienza in prima persona ma di tentare di capire come la fanno gli altri. Uno degli errori che si commettono più spesso è pensare che siano tutti come noi ma è sbagliato. Questo aspetto che non si improvvisa ma si possono adottare una serie di metodologie codificate nella materia chiamata user research. Uno dei metodi più semplici ed economici l’intervista alle persone per cui sto progettando: una serie di domande poste vis à vis mi permettono di comprendere le reazioni vere delle persone a fronte di ventaglio di ipotetiche situazioni. Ci sono poi indagini più analitiche, di carattere quantitativo e qualitativo oppure i questionari da somministrare a una cerchia ristretta di persone con l’intento di capire quali potrebbero essere le esigenze più profonde che hanno le persone a cui mi sto rivolgendo.

Define

Ora che ho tutto il bagaglio di conoscenza che mi deriva dalla prima fase - conosco bene le persone per le quali sto progettando e so di che cosa hanno bisogno - occorre definire quali sono i loro problemi. Quali soluzioni voglio portare? Quale è il problema che voglio risolvere tra quelli evidenziati? Questo passaggio è fondamentale per passare alle fasi successive.

Ideate

Una volta definito il problema che voglio risolvere, comincio a tirare fuori una serie di idee e di eventuali soluzioni. Si parte dal più classico dei metodi, il brainstorming, sempre considerando che dobbiamo partire dalle esigenze vere delle persone. Una volta che abbiamo tutte le proposte sul tavolo, cominciamo con la validazione per capire quali di queste funzionano e quali no. In alcuni casi, le risposte sono intuitive e pertanto possiamo iniziare a testare la nostra soluzione, in altri casi devo arrivare a un concept: per farlo devo definire un framework ovvero il sistema più funzionale dove applicare l’idea su cui stiamo lavorando. In questa fase procediamo a testare l’idea per capire se così come l’abbiamo pensata ha senso. A mano a mano che metto a punto il progetto, il prodotto sarà sempre più definito: siamo pronti quindi al prossimo step.

Prototype

La fase di prototipazione di fatto è la fase di valutazione finale. È questo il momento in cui decidiamo se l’idea che abbiamo avuto può diventare qualcosa che possiamo iniziare a vendere, che possiamo cominciare a produrre o a proporre a eventuali investitori o partner. Ci sono tante metodologie per prototipare, a seconda di ciò di cui ci occupiamo: un prototipo può essere fisico come un modellino, digitale ma anche un codice scritto o semplicemente uno storyboard in cui immaginiamo una serie di fasi che le persone dovrebbero sperimentare per “fare esperienza” della mia idea. Ovviamente dipende dalla natura del nostro progetto, si parte da metodi più semplici fino ad arrivare, se necessario, a agenzie di prototipazione che possono fare questo per nostro conto.

Test

La fase di test può essere assimilata a quella di implementazione. È il momento in cui si capiscono i passi successivi, in cui si elabora un project plan, si definisce il modello di business e quali sono le figure professionali di cui ho bisogno per portare avanti il mio progetto nonché gli stakeholder di riferimento. In questa fase l’aspetto economico diventa centrale perché un progetto che funziona deve essere sostenibile. A questo punto, dopo aver rispettato tutte le fasi del prcesso di “Design Thinking” possiamo dire che l’idea funziona in maniera piuttosto oggettiva: siamo pronti quindi al lancio del nostro prodotto sul mercato.

Poterebbe interessarti anche

0 commenti